Domenica sono andato a fare un giro in moto e fin qui nulla di speciale. Ho fatto un giro non particolarmente diverso dal solito, anzi che già conoscevo pur non essendo non uno dei miei preferiti: Alessandria Sud, Acqui Terme, Ovada e poi Faiallo fino a salutare il mare sulla spiaggia di Voltri e ritorno.

Read More

La prima e unica volta che ho fatto i passo dello Spluga era il 2010 e avevo comprato la Dorsoduro da 3 giorni.

L’itinerario saliva dal San Bernardino, passando da Splugen e poi dal passo in questione, fino al bivio per Madesimo e la discesa verso il lago di Como. In generale ho dei ricordi abbastanza brutti, anche perchè pioveva e c’era un sacco di traffico.

Ma quando hai una domenica a rischio pioggia su tutto il Nord Italia e l’unica zona salva sembra essere quella, non resta che provare a tornarci.

Read More

Questa estate ha fatto registrare picchi di caldo che rasentano il preoccupante e noi motociclisti abbiamo una tecnica perfetta per questi casi: andare a girare in moto in montagna.

Questa volta mi sono trovato in un dilemma non da poco, dovendo portare con me un amico ancora con il foglio rosa e che, quindi, non può ancora scollinare in Svizzera. Era da un po’ che volevo tornarci, ci ero stato la prima volta nel 2016 e così abbiamo deciso di tornare al Nivolet che, con i suoi oltre 2600 metri di quota avrebbe garantito un pochino di fresco.

Il limite principale di questo passo è che si tratta di uno di quei giri “solo andata”, non esattamente i miei preferiti.

Read More

Il passo del San Gottardo può essere raggiunto tramite due strade. Quella nuova personalmente la reputo piuttosto noiosa e poco panoramica, mentre la “tremola” regala decisamente maggiori soddisfazioni.

Read More

La primavera è un periodo sempre un po’ delicato per noi motociclisti, almeno per quelli del Nord Italia che girano a cavallo tra la Pianura Padana e le Alpi.

Tra maggio e giugno, in base alle annate, si vive un periodo di continua indecisione sui giri da fare, legato al fatto che i passi alpini non hanno date di apertura precise. Può succedere, come quest’anno, che l’apertura dello Stelvio venga fissata al 18 di maggio e poi ci si ritrovi al 15 di Giugno con una apertura solo parziale ad orari controllati. Idem per gli altri passi oltre i 2300 metri, come i vari Furka, Susten, Grimsel e compagnia.

Quel che succede, quindi, è che ti ritrovi al venerdì a dover organizzare un percorso a ostacoli tra passi di cui non hai informazioni certe: si potrebbe andare verso Sud, certamente, ma spostarsi in quella direzione obbliga a percorrere tanta pianura con un clima che è già praticamente estivo.

La lotta, quindi, si consuma tra percorsi alpini freschi e spettacolari ma incerti e percorsi sicuri, ma con decisamente meno appeal.

Read More

Il primo maggio è sempre una giornata un po’ strana, quest’anno era troppo vicino a Pasquetta per giocarsi la carta della grigliata e troppo lontano dal weekend per fare il ponte. Aggiungi poi che il mega-giro programmato con gli amici è puntualmente saltato ed eccovi il mix perfetto di perplessità su come riempire la giornata.

Siamo in un periodo in cui è ancora troppo presto per girare sui passi alpini, ancora praticamente tutti chiusi, ma già abbastanza bello per evitare di essere sprecato con i giretti sul Lago Maggiore. Questo non toglie che i bar del lago fossero zeppi di Panigale, R1, Multistrada e compagnia…ma stiamo divagando.

Passo del Sempione dicevamo, cartina alla mano decido che è il giusto mix di paesaggio, strada e chilometri: aggiudicato!
Read More
Quattro ruote muovono il corpo, due muovono l'anima.