Ieri stavo rientrando dal Travellers Camp in quel dell’Appennino Tosco-Emiliano e dalle parti di Vezzano sul Crostolo ha iniziato a diluviare. Ma diluviare tipo un sacco, tipo da temporale estivo…però senza tuoni e fulmini, ma solo tanta pioggia e 14 gradi.

A Reggio si stava bene, con un cielo velato e il termometro sui ventitrè-ventiquattro gradi. Eppure qui diluvia e fa freddo, soprattutto perchè sto in giro vestito estivo con il sottotuta in versione “light” e la mia fidata Alpinestars traforata che fa passare sì l’aria, ma pure la pioggia. Naturalmente nelle borse avevo tutto il necessario per cavarmela, dalla membrana interna della giacca alla tuta antipioggia, ma la cosa curiosa è che volontariamente non mi sono fermato a coprirmi.

Ho guidato finchè la pioggia non è diventata troppa; senza preoccuparmi dei rigagnoli che ormai si erano infilati lungo le braccia o dei brividi lungo il collo e la schiena. Non me ne importava nulla.

Read More

Sono tipo tre anni che ho in ballo sto giro in Valdidentro, da quando lessi di questo posto su RoadBook in un bellissimo articolo ad opera di Marco.

Per chi non conoscesse il posto, si tratta di una intera vallata dove si trovano due enormi bacini idrici artificiali circondati da un paesaggio pazzesco e, soprattutto, da chilometri di strade sterrate percorribili. Praticamente un enorme parco giochi per maxienduro, dove scorrazzare (quasi) liberamente senza necessità di gommature o capacità particolari.

Read More

Era una fredda mattina d’inverno, quando il mio organismo decise di farmi capire che certi alimenti non gli andavano più a genio. Decise di farlo in modo inaspettato e anche piuttosto doloroso, durante il viaggio in pullman che stava portando me e i miei amici del CAI a fare trekking in Engadina.

Per la mia salute è stato l’inizio della fine, di una spirale di problemi che tutt’oggi mi costringono a numerosi sacrifici.

Read More

Era da tempo che ci pensavo e sinceramente mi ero rotto di perdere minuti preziosi ad ogni pausa per prendere l’acqua dalle borse/zaino/bauletto. Quindi, in vista del viaggio in Abruzzo, mi son deciso a fare l’acquisto e ve ne parlo qui dopo oltre tremila chilometri di utilizzo su strada e offroad.

Si tratta del modello di punta di Acerbis, sia in termini di capienza sia come soluzioni adottate come la chiusura a X al posto degli spallacci classici. Le caratteristiche principali sono:

Read More

Erano almeno due anni che ragionavo su questo progetto, un mix di nuovi itinerari, visite ai parenti e sfide personali in termini chilometrici e di località. Ed eccoci qui, ancora con gli stivali impolverati ai piedi a raccogliere le prime impressioni a caldo dopo il rientro.

Read More

Venerdì pomeriggio arriva uno di quei messaggi da prendere o lasciare: “Ciao Bedo, domani ci facciamo lo Jafferau?”. (l’autore è Samuele aka @samuabj)

Avevo sentito pareri contrastanti su quel posto, soprattutto dal punto di vista della difficoltà del tracciato, quindi ho preferito rifletterci un attimo. Il weekend successivo avrei dovuto essere in viaggio per l’Abruzzo e distruggere il Tiger non mi pareva esattamente un’idea geniale. Ma vabbè, lo spirito d’avventura ha preso il sopravvento e all’alba (letteralmente…) del sabato siamo in viaggio verso Susa.

Read More
Quattro ruote muovono il corpo, due muovono l'anima.